7 STRUMENTI DI MARKETING ESSENZIALI CHE TI PORTERANNO AL SUCCESSO

Google Analytics

Per far crescere la tua attività online con successo, devi conoscere i dati di base come il numero di visitatori del sito web, da dove provengono e se si stanno convertendo in clienti paganti.

Sapere cosa funziona e cosa no in termini di conversioni del tuo sito web è un elemento chiave per far crescere un business online. Google Analytics mi consente di comprendere meglio il traffico del mio sito web nel suo insieme e le singole pagine, compresi i miei blog.

google analytics

Essere in grado di gestire, esportare e analizzare facilmente questi dati è la chiave del successo e Google Analytics non è solo uno strumento affidabile con ogni tipo di metrica, ma è anche completamente gratuito.

  • Rapporto sul rendimento mobile
  • Rapporto sull’acquisizione del traffico
  • Rapporto sull’efficienza dei contenuti
  • Rapporto di analisi delle parole chiave
  • Visitatori nuovi e di ritorno
  • Rapporto sulle pagine di destinazione
  • Rapporto frequenza di rimbalzo e rapporto di uscita

HootSuite / Buffer

Sia Hootsuite che Buffer sono strumenti social fantastici che ti aiuteranno a diventare più organizzato e a ottenere risultati migliori sui social media.

Quale strumento alla fine sceglierai dipenderà in gran parte dalle tue esigenze specifiche.

Se gestisci numerosi account social e vuoi essere in grado di interagire direttamente con i tuoi follower, Hootsuite potrebbe essere quello che fa per te. Potrebbe essere necessario un po ‘di tempo per comprendere tutte le sue funzionalità, ma una volta fatto, inizierai a risparmiare un sacco di tempo con la gestione dei profili social.

buffer vs hootsuite

D’altra parte, se non si è in grado di dedicare molto tempo ai social media e si desidera qualcosa di super veloce per la pianificazione degli aggiornamenti, Buffer è un ottima soluzione. È semplice, veloce ed efficiente, quindi non puoi sbagliare.

La terza opzione è l’uso di entrambi perché Hootsuite e Buffer hanno la capacità di completarsi a vicenda. La pianificazione è più semplice con Buffer, ma devi comunque rispondere e interagire con i tuoi follower, e qui entra in gioco Hootsuite.

Mailchimp

MailChimp offre da tempo ai suoi utenti un modo semplice per gestire ed eseguire le loro campagne di email marketing. Ora, per la prima volta nella sua lunga storia, l’azienda sta andando oltre l’e-mail marketing con il lancio di un nuovo strumento che consente ai suoi utenti di creare campagne pubblicitarie Facebook direttamente dalla dashboard di MailChimp.

La società potrebbe essere meglio conosciuta per la sua piattaforma di posta elettronica, ma come ha osservato un portavoce della società, la sua missione va ben oltre. MailChimp vuole diventare una piattaforma di marketing olistica per le imprese. Man mano che mobile, social e messaging diventano più importanti, anche MailChimp deve evolversi per raggiungere gli utenti, e l’unico posto in cui questi utenti si trovano sicuramente è su Facebook.

mailchimp

Come nota MailChimp, il 16% dei suoi oltre 15 milioni di utenti sono aziende di e-commerce, un numero che è aumentato del 46% nell’ultimo anno. Quasi la metà delle entrate correnti di MailChimp proviene proprio da questi clienti. Dato che molte di queste aziende probabilmente stanno già utilizzando sia MailChimp che Facebook Ads, si notano delle sinergie.

Se hai mai progettato una newsletter su MailChimp, allora il processo di creazione di annunci e campagne Facebook dovrebbe essere abbastanza familiare.

Non sorprende che MailChimp consenta ai propri clienti di utilizzare le proprie mailing list per indirizzare i propri fan e clienti, ma consentirà anche a loro di rivolgersi a un “pubblico analogo” di Facebook con caratteristiche simili agli elenchi di iscritti MailChimp.

MailChimp non addebiterà ai suoi utenti alcuna commissione in aggiunta ai normali costi di Facebook (che partono da $ 5 al giorno per gli annunci basati sui clic) e consentirà loro di tenere traccia delle loro campagne direttamente all’interno dei dashboard MailChimp esistenti.

Visual Content Marketing

Quest’anno abbiamo visto l’importanza dei contenuti visivi enfatizzati dai cambiamenti avvenuti in quasi tutti i principali social network, tra cui Facebook, Snapchat, Instagram e Twitter. Allo stesso tempo, i video sono diventati strumenti potenti per i marchi che cercano di comunicare più facilmente con i loro lettori.

visual content

Per aiutarti a tenere il passo con queste tendenze, diamo un’occhiata ad alcune statistiche di marketing che dimostrano l’impatto dei contenuti visivi sulla portata, l’engagement e le vendite. Le statistiche sono categorizzate da General Visual Content, Video, Emerging Visual Marketing (video, aumento di video mobile), Infografica e Social Media.

Marketing mobile

Il fantastico potenziale del marketing mobile nel 2017 è rafforzato da rapporti come questo: la società di ricerca BIA / Kelsey prevede che la spesa negli Stati Uniti per dispositivi mobili supererà i 40 miliardi di dollari – e il settore può aspettarsi che il numero superi i 65 miliardi di dollari entro il 2020. L’anno scorso, la spesa pubblicitaria per il digital mobile ha alimentato la crescita dei dispositivi mobili su un percorso per superare la spesa pubblicitaria desktop. Nel frattempo, smartphone e tablet rappresentano il 51,3% dell’utilizzo di Internet. Entro la fine dell’anno, il 75% del consumo di contenuti online sarà mobile.

mobile

Numeri come questi raccontano la storia: per il mobile marketing, un momento di trasformazione è a portata di mano.

Questa trasformazione porterà con sé le seguenti cinque tendenze, cambiando il modo in cui marchi e operatori di marketing interagiscono tra loro, con la tecnologia e con i consumatori.

1. I consumatori ridefiniscono i limiti di acquisto; il mobile marketing, le partnership di marca si approfondiscono

2. Grandi magazzini, i partner di marketing mobile affrontano “l’effetto Amazon”

3. Accelerazione programmatica: marchi, tecnologia, marketing continuano a investire

4. La tecnologia guida la misurazione, i progressi della verifica

5. La creatività di nuova generazione, il video ridefinisce gli impegni di telefonia mobile

Marketing esperienziale

Il marketing esperienziale attinge alla paura di perdere i consumatori (FOMO), al desiderio di creare ricordi affettuosi e alla capacità di connettersi con altri che hanno interessi simili. Mentre queste attivazioni servono a informare i consumatori su un prodotto o servizio, i partecipanti sono più inclini a non solo partecipare, ma anche a promuovere. Questo è particolarmente vero per i millennial: otto esperienze su 10 di valore rispetto agli acquisti fisici.

Uno studio recente di EventTrack ha rivelato che il 98% dei consumatori acquisisce contenuti in eventi dal vivo e il 100% di coloro che acquisiscono contenuti li condivide sulle proprie reti di social media. Mentre l’83% dei consumatori condivide il contenuto degli eventi fino a 15 volte, quasi la metà (il 47%) preferirebbe condividere i contenuti che catturano rispetto ai contenuti forniti loro da un marchio.

Il marketing del coinvolgimento , a volte chiamato “ marketing esperienziale “, “ evento di marketing “, “ commercializzazione diretta “, “ la partecipazione di marketing “, o ‘ eventi speciali ’ è una strategia di marketing che coinvolge direttamente i consumatori, li invita e li incoraggia partecipare all’evoluzione di un marchio o di un’esperienza di marca. Piuttosto che considerare i consumatori come destinatari passivi di messaggi, i marketer del coinvolgimento ritengono che i consumatori dovrebbero essere coinvolti attivamente nella produzione e nella co-creazione di programmi di marketing, sviluppando una relazione con il marchio.

experiental marketing

Influenza del marketing

Il marketing dell’influencer è esploso nel 2016 con altri marchi che si rivolgono ai creatori digitali per raggiungere nuovi segmenti di pubblico, clienti più giovani e per creare interesse intorno ai loro prodotti.

Non mostra segni di rallentamento.

Secondo il report di Influencer Marketing 2016 , compilato da CHUTE e THUZIO, il 66% dei marketer ha già introdotto una strategia di marketing di influenza. Secondo gen.video, “Ci sarà un aumento degli investimenti in influencer marketing: il 50% delle marche aumenterà significativamente il proprio investimento nel 2017”.

Siamo nella fase Wild West dell’influencer marketing; così stordito, sarà una corsa sfrenata.

influence marketing
ANTI-GRM STA RAGGIUNGENDO OGNI ANGOLO DEL MONDO
PREVIOUS POST
RISULTATI SPETTACOLARI SUI PANNELLI SOLARI
NEXT POST

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Enter Captcha Here : *

Reload Image